Conferenza n.51 del 21 ottobre 2011
Ospite: Costanza Miriano e Mario Palmaro / Argomento: Matrimonio

COSTANZA MIRIANO A STAGGIA
La riscoperta dei ruoli maschile e femminile fa bene al rapporto di coppia

Il Centro Culturale "Amici del Timone" in collaborazione con l'Associazione "Scienza & Vita" di Siena ha organizzato il 21 ottobre 2011 un incontro dal titolo "Sposati e sii sottomessa: pratica estrema per donne senza paura".
Era presente l'autrice del libro (recensito anche su l'Osservatore Romano): Costanza Miriano, giornalista del Tg3. Ha presentato la serata Mario Palmaro, docente di bioetica all'Università Europea di Roma e conduttore della trasmissione "Incontri con la Bioetica" a Radio Maria.
La conferenza, veramente di grande interesse, ha riguardato la tematica della vita matrimoniale. Le donne del duemila si debbono riappropriare della loro vocazione all'accoglienza della vita, quella che viene dal loro essere morbide, capaci di ricucire i rapporti, di fare spazio, di intessere relazioni, di tirare fuori da tutti il meglio. Devono mettere questo loro genio femminile in cima alle priorità: è un programma di lealtà, dedizione, dolcezza.
Ma chi è Costanza Miriano? Costanza è nata a Perugia e vive a Roma. È sposata, sottomessa (almeno così le piace dire) e ha quattro figli. Si definisce cattolica e quasi sempre di buonumore. È giornalista al tg3. Nella parte finale del libro, ringrazia Dio, i pontefici Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, la Chiesa cattolica, il marito, i figli, i molti amici. Il suo libro è composto da 11 lettere inviate a 9 amiche e a 2 amici in cui, in modo molto accessibile e con un linguaggio davvero accattivante e femminile, si smontano le tante ricorrenti leggende della vulgata femminista e anti-maschile, cercando di mostrare che la bipartizione tradizionale dei ruoli, all'interno del focolare domestico, non solo non era sbagliata, ma era (ed è) la vera garanzia della "realizzazione" di uomini e donne, e il solo presidio in ordine alla sana educazione della prole. La Miriano invita senza alcuna ambiguità le donne moderne di oggi a tornare alla tradizione riconoscendo il ruolo insostituibile di capo famiglia all'uomo. E riscoprendo il ruolo femminile di fondamentale importanza per la famiglia. Per Costanza, stare sottomessa, vuol dire stare in un ruolo importantissimo poiché è chi sta sotto che regge le sorti della famiglia. Pronunciare la parola sottomissione al giorno d'oggi fa paura e desta subito risentimento. Eppure stare sottomessi alla persona che si ama è la cosa più bella che esista! Dopo il '68 questa pare una bestemmia, ma è la pura realtà. Chi segue lo slogan "né padri, né padroni" finisce per avere mille padroni (nessuno dei quali gli vuol davvero bene!).
Del resto si possono fare vari esempi di sottomissione volontaria. Se si va in tandem, non si può guidare il manubrio in due. Se si gioca in una squadra di calcio non si possono avere due allenatori, ma uno solo e i giocatori stanno sottomessi alle sue direttive Se siamo in un ufficio non ci possono essere due capoufficio. Se si è su una nave non ci possono essere due capitani. Insomma... perché stupirsi che in famiglia le decisioni in ultima analisi le debba prendere il marito? E' per lui una responsabilità, mica un piacere. L'allenatore è il primo che viene esonerato se la squadra va male, perché gli si imputa la responsabilità... E' questione di logica, non è necessaria la fede per capire questo! Inoltre molte sono le donne che sognano un marito che le sappia guidare (e spesso infatti si lamentano dell'indecisione del marito o del suo disimpegno o apatia nelle questioni familiari). Invece sempre più spesso i mariti con un "fai come ti pare" scaricano le loro responsabilità sulle mogli e dove i mariti non si assumono le proprie responsabilità, anche l'educazione dei figli ne risente gravemente.
Ovviamente tutto questo non esclude, anzi implica necessariamente, che all'interno della coppia ci debba essere dialogo e che il marito tenga in considerazione ciò che gli dice la moglie. Nelle culture non cristiane la sottomissione della donna significa toglierle la dignità umana. Invece nel cristianesimo è ben chiaro che la dignità è la stessa per ogni essere umano: uomo o donna, adulto o bambino, appartenente a qualunque fascia sociale o etnica. Questa uguaglianza di dignità, però, non significa uguaglianza di compiti... essendo l'uomo diverso dalla donna. Non si tratta di superiorità, ma di diversità.
In una intervista su Rai Uno a Costanza Miriano è stato chiesto quali critiche aveva ricevuto il libro e lei, con candore, ha fatto notare che le critiche sono venute esclusivamente da chi si è fermato solo al titolo del libro. Tra coloro che avevano letto il libro nessuno aveva trovato motivi per criticare le pur forti affermazioni della giornalista.
Io stessa, essendo donna, medico, moglie e madre di due bambine devo dire che il libro "Sposati e sii sottomessa" mi ha da prima incuriosito, poi l'ho letto con avidità e successivamente sono spesso ritornata a consultarlo per gli ottimi consigli pratici. Non resta quindi che procurarsi una copia del bestseller del 2011 che merita davvero di essere letto (...e regalato!).

Intervista a Costanza Miriano su Rai Uno



https://www.youtube.com/watch?v=zX5stpKKzu4

CONFERENZE DI COSTANZA MIRIANO A STAGGIA SENESE

Clicca su quella che ti interessa


1) SPOSATI E SII SOTTOMESSA (con Mario Palmaro) 21 ottobre 2011

2) SPOSALA E MUORI PER LEI (con Padre Giorgio Carbone) 9 novembre 2012

3) LE GIOIE DEL MATRIMONIO (con Tommaso Scandroglio) 17 settembre 2016
 


amicideltimone-staggia.it

  • Per ricevere gratis la nostra newsletter

    Email:
    Nome:
    Privacy:  Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)
Scegli un argomento

BASTABUGIE.it
FilmGarantiti.it
Scienza&Vita-Siena.it